ROBERTO TRAVAGLINI

Perito grafico;

presidente A.G.P.;

coordinatore della Scuola Superiore di Grafologia (AGAS) di Bologna;

Pedagogista

docente di discipline pedagogiche all’università di Urbino.

Educazione etico-professionale al lavoro peritale

L’intervento intende mettere in risalto le problematiche deontologiche inerenti al lavoro del grafologo che svolge perizie in campo giudiziario.

Si cerca, in particolare, di porre l’accento sulle possibilità e sui limiti che il consulente-perito dovrebbe conoscere bene non solo rispetto alle leggi generali sul peritare e, al contempo, alle regole più strettamente grafico-grafologiche di ordine metodologico, ma anche rispetto a un codice deontologico che in parte è scritto ma che in gran parte è implicito e riguarda la legge delle relazioni umane.

I diversi possibili percorsi di formazione grafologico-peritale dovrebbero formare il grafologo anche ai principi di cooperazione, di intesa dialogica, di adesione alla verità, di costruzione di un sapere indagatorio rispettoso delle chiavi scientifiche più attuali, spesso aperte al dubbio e alle leggi del caso e della probabilità.

Associazioni professionali come l’A.G.P. hanno il compito, tra gli altri, di evidenziare queste norme (scritte e relazionali) del campo della perizia grafico-grafologica e promuoverle sia verso i suoi soci professionisti attraverso adeguati appuntamenti di formazione continua sia verso gli utenti di questa specifica competenza professionale, di fatto molto delicata e certamente non esente da molteplici criticità etico-morali.

CONTATTI

robertravaglini@gmail.com

agas@grafologi.org